AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

ADX : L’ indicatore per capire il trend

indicatore adx

Strumenti di Analisi tecnica : l’indicatore ADX

Istinto o razionalità? Ogni giorno ognuno di noi è chiamato a fare delle scelte, di maggiore o minore importanza. La scelta di una cravatta da abbinare ad un vestito può avere scarso impatto sui nostri destini, ma non sempre è così e a volte una scelta apparentemente banale può segnare la nostra vita per periodi molto importanti.

Come può avvenire sui mercati finanziari, ove un errore di strategia può riverberare conseguenze nefaste per un arco di tempo molto lungo. Al riguardo esistono due scuole di pensiero: la prima tende a privilegiare nelle scelte il puro istinto, la seconda punta invece sulla razionalità.

Dalla scelta del primo comportamento, può discenderne un trader avventuroso, capace di cogliere l’attimo, è un tipo di approccio legato strettamente al momento. Chi invece adotta come linea di condotta lo studio scrupoloso e l’analisi tecnica, solitamente viene indicato come trader parsimonioso, freddo, avverso all’emotività dell’investimento.

Questa divisione può apparire banale e superata, in realtà i dati dei broker sembrano indicare che una grande quantità di aspiranti traders apra e chiuda posizioni basandosi ancora sulle sensazioni personali del momento.

Ma se siamo qui, io a scrivere e voi a leggere, significa che vogliamo e crediamo che il trading sia qualcosa di più che un sistema legato esclusivamente al rischio e alla percezione, per questo ambiamo a far parte del secondo tipo di investitore, vogliamo essere analisti e prendere le nostre decisioni basandoci su fatti concreti, per farlo diventa quindi necessario conoscere alla perfezione gli strumenti tecnici, a partire dagli indicatori, i quali sono i primi nostri alleati nel tentativo di interpretare l’orientamento dei mercati.

Tra gli indicatori, un posto di particolare rilievo è detenuto dall’ADX.

Indicatore ADX: La struttura

L’indicatore ADX (sigla di Average Directional Index) è uno degli strumenti a disposizione degli analisti al fine di riuscire ad individuare nel modo più preciso la formazione di un trend, sia esso positivo o negativo.

Solitamente esso compare sotto forma di un grafico strutturato su valori compresi tra 0 e 100, nel quale si muovono tre curve:

1. una che potremmo marchiare con il colore verde, il Directional Indicator Positivo (+DI), indicante l’intensità del movimento rialzista,

2. una in rosso, che indica il Directional Indicator Negativo (-DI), che tratteggia a sua volta la forza dell’andamento ribassista,

3. una terza in nero che è in pratica la risultante delle altre due, appunto l’ADX.

(clicca sull’immagine per ingrandire)

adx_1

Nota : in molte piattaforme inserendo l’ indicatore ADX compare solo la linea risultante.

ADX : l’ interpretazione

Va specificato che l’indicatore ADX non serve a misurare la direzione in cui si muove un trend, bensì la sua effettiva forza. In questo senso, quando esso si muove sopra il valore di 40 vuol dire che l’andamento è ancora vigoroso, tanto da essere definito super-trend, mentre sotto il dato di 20 indica il suo appannamento, ovvero che sta perdendo gradualmente forza. A cavallo di questa fascia, si può distinguere tra valori oscillanti tra 16 e 25, in cui il mercato è trading range, e tra 10 e 15, in cui la situazione è flat.

(clicca sull’immagine per ingrandire)

adx_2

Nello stabilimento dell’indicatore vengono di solito utilizzati periodi suddivisi in quattordici barre, o comunque adattandoli in base alle esigenze prospettate in un dato momento dai mercati.

Come si utilizza l’indicatore ADX

Quando è indicato in particolare l’uso di questo strumento di analisi?

Soprattutto nei casi in cui un titolo si muova all’interno di parametri di routine, senza manifestare comportamenti troppo pronunciati verso l’alto o verso il basso, l’indicatore ADX può addirittura rivelarsi controproducente, mentre rivela tutta la sua utilità nei casi in cui il titolo in questione riveli un alto tasso di volatilità. Allo stesso tempo, molti analisti non esitano a ricordare che come tutti gli indicatori che focalizzano la loro attenzione sul trend, la fotografia da esso fornita risulta sempre sfalsata rispetto alla realtà dei mercati valutari, generando troppi falsi segnali nei momenti in cui gli stessi si trovano in una fase laterale.

Proprio per questo motivo, si dovrebbe avere l’accortezza di incrociare i dati generati dall’ADX con quelli derivanti da altri indicatori. In effetti proprio per i motivi ricordati, questo strumento diventa un semplice mezzo di conferma per analisi già formulate. Prima di usarlo, però, si dovrebbe tenere ben presente una avvertenza fondamentale: alcuni titoli o valori tendono a generare movimenti dell’ADX nel medio o lungo periodo, altri manifestano questa tendenza in concomitanza con eventi considerati di grande importanza, come può essere il rilascio di una news, la presentazione di un bilancio o di una relazione semestrale. Considerazione che dovrebbe spingere sempre a valutare il contesto prima di usare uno strumento di analisi il quale potrebbe non essere il più indicato allo scopo.

ADX : conclusioni

 I calcoli  dell’ ADX sono piuttosto complessi, l’interpretazione e l’implementazione in una strategia richiedono tempo e pratica. I crossover del valore di 40 (o altro deciso da noi) sono abbastanza frequenti ed è necessario filtrare questi segnali con analisi complementari. In altre parole, un segnale generato da un’altro strumento può essere avvalorato se l’ ADX si trova al di sopra del livello 40 ( o altro deciso da noi) al contrario potremmo decidere di scartare quelle azioni del prezzo che si configurano sotto tale livello.

Ancora una volta quindi scopriamo un indicatore con enormi qualità, ma che per esprimere al meglio le sue potenzialità deve essere utilizzato in parallelo ad altri strumenti. Il suggerimento è quello di provare l’ ADX in modalità demo, o comunque con analisi nel passato,  cercando di cogliere i dettagli che contraddistinguono i segnali attendibili. E ricordate, l’obbiettivo non è avere ragione su ogni operazione, ma avere ragione sul lungo periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *