AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Brexit: nuova guerra di valute all’orizzonte? I consigli per i trader

guerra di valute

La Brexit ha portato un’ondata di incertezza nel mercato, a più livelli. Tuttavia, dopo un’iniziale periodo di sbandamento, caratterizzato da un piccolo crollo della borsa e da un’indebolimento della sterlina, la situazione sembrava essersi stabilizzata.

Il passato, anzi l’imperfetto, è d’obbligo: oggi, 13 settembre, la sterlina ha di nuovo intrapreso la via dell’indebolimento.

E’ bastato un dato al di sotto delle attese (i prezzi alla produzione) per scaraventare la valuta di sua maestà nell’abisso del trend negativo. I segnali di una svalutazione imminente sono più forti di prima, gli scenari incerti. Una ipotesi, se non probabile almeno possibile, suggerisce lo scopo imminente di una nuova guerra delle valute.

I perché di una guerra

Se la sterlina si indebolisce e, addirittura, si svaluta, le merci UK diventano più competitive. Si dà il caso che il Regno Unito e l’Unione Europea condividano lo stesso mercato. E’ irrealistico pensare che l’UE se ne stia con le mani in mano. Dunque, nonostante la pochezza degli strumenti di politica monetaria, è lecito pensare che l’euro tenti di svalutare a sua volta. A questo punto, la comparsa di un circolo vizioso sarebbe un passo. Il dollaro che, in virtù di una ripresa negli USA più forte che altrove si sta rafforzando, verrebbe spinto dalla Fed a una svalutazione, e via via tutte le valute.

E’ realistico questo scenario? La risposta è positiva. Il motivo è evidente: l’Europa tutta, sia quella Ue che extra-Ue, è dominata, a torto o a ragione, da un approccio mercantilistico. Tale approccio vede nella domanda esterna il motore di propulsione economica. Non curandosi molto della domanda interna, i paesi europei puntano a vendere le proprie merci all’estero. Ingrediente essenziale di tale metodo è la competitività dei prezzi, messa in crisi se, molto semplicemente, il “tuo vicino” svaluta. Perseverare nell’austerity, in questo contesto, non aiuterebbe nessuno dei contendenti.

Consigli per i trader

Cosa possono fare i trader delle opzioni binarie che operano con le valute? Importante è cogliere i primi segnali di una guerra delle valute imminente. Un segnale tipico è l’incertezza. Quando un cambio non è inserito in un trend chiaro, vuol dire che le valute stanno rincorrendosi reciprocamente. Un’altro consiglio è di analizzare attentamente le banche centrali europea, britannica, americana. Quale banca ha più possibilità di svalutare? In base a questa risposta, il trader astuto farà le sue valutazione e pronosticherà il vincitore. Per inciso, la meno attrezzata in questo senso è proprio la BCE, che non riesce nemmeno a combattere in maniera efficace la deflazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *