AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Corsi trading online: come riconoscere i migliori

Il trading online, opzioni binarie compreso, è un’attività che espone a diversi rischi e che presenta numerose difficoltà. L’unica arma a disposizione del trader, oltre a una solida base caratteriale, è la preparazione. Conoscere è il segreto per frequentare i mercati con profitto.

Solo i trader che posseggono un vasto bagaglio di conoscenze sono in grado di sfruttare le opportunità, contenere i rischi e, in parole povere, ascriversi alla categoria dei trader vincenti. Il problema principale risiede nell’assenza di canali ufficiali.

Ciascun trader è, in fondo, un autodidatta. Per tale motivo occorre cogliere l’occasione al volo quando a erogare la formazione è un ente più o meno autorevole.

A tal proposito, si segnalano i corsi trading online che alcuni broker mettono a disposizione. Va detto, però, che non è tutto oro quello che luccica. Occorre distinguere i corsi di qualità da quelli scadenti. Ecco qualche consiglio utile.

Corsi online di trading: gli elementi imprescindibili

Un criterio che bisognerebbe tenere a mente quando si valuta l’affidabilità di un contenuto formativo è, ovviamente, il curatore. Il consiglio è prendere a riferimento solo quei corsi organizzati e sostenuti da trader di comprovata esperienza, che dunque sono in grado di offrire un valore aggiunto, di proporre elementi di teoria ma anche – e soprattutto – di pratica.

Un corso di trading online, inoltre, dovrebbe essere a prova di “non addetti ai lavori”. Il linguaggio dovrebbe essere semplice, alla portata di tutti. E’ ovvio: chi si rivolge ai corsi è un principiante, quini è probabile che non sia in possesso del registro linguistico necessario. Sarà compito del curatore o del docente insegnarglielo. Anche perché se si parla la “lingua dei trader” è possibile frequentare forum, blog e in generale dialogare da pari a pari con i trader più importanti, dai quali si può apprendere molto.

Infine, un concetto fondamentale è la modularità. Non è affatto detto, infatti – anzi è abbastanza improbabile – che gli utenti dei corsi condividano il medesimo grado di esperienza. Se i contenuti sono divisi in moduli, ordinati in modo efficace, qualsiasi aspirante trader può trovare il corso che fa al caso suo e colmare le sue personali lacune.

Sono molti i broker che offrono contenuti per la formazione. Solo pochi di questi, però, sono veramente utili. Tra i broker più apprezzati da questo punto di vista spicca 24Option, che da poco ha lanciato nella sua piattaforma i webinar, una tipologia di corsi trading online che fa dell’interattività il suo punto di forza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *