AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Il Trading Binario è ingiusto? Le difficoltà dei trader

I mercati rappresentano sotto alcuni punti di vista una chimera, un oggetto misterioso e incontrollabile. Eppure esiste una verità incontrovertibile: nel mercato – come anche nella vita – nessuno regala niente, nessuno fa beneficenza. E’ un ambiente competitivo, dove i trader giocano a recare svantaggio agli altri per trarre un beneficio. E’ del tutto normale. Alcune tipologie di trading, però, sono più “cattive” di altre.

Non per una questione morale, non per la presenza di investitori più incattiviti della media. Bensì per una fatto puramente strutturale. Tra questo spicca proprio il trading binario.

Perché il trading binario è cattivo, anzi spietato? C’è un elemento in particolare che complica la vita ai trader e che, in linea di massima, può apparire profondamente ingiusto.

Un equilibrio particolare

Immaginate di stare per scommettere qualcosa per un amico. Questo amico vi propone di mettere in palio delle birre. Se vince lui, dovrete offrirgli tre birre. Se vincete voi, sarà a lui offrire le birre. Ma non tre, solo due. E’ normale che una simile gestione della posta provochi più di qualche perplessità. Eppure è un approccio che tutti i giorni i trader delle opzioni binarie sono costretti a sopportare, e lo fanno senza colpo ferire. E’ sufficiente dare un’occhiata ai rendimenti e ai rimborsi. In genere, le percentuali non sono affatto complementari. E in alcuni frangenti i rimborsi nemmeno ci sono.

La verità comunque è questa: quando si acquista una opzione binaria, si rischia di vincere una somma di molto inferiore a quella che si rischia di perdere. E’ una ingiustizia? Forse, anche perché gli altri tipi di trading in genere sono più magnanimi.

Pensiamo al mercato delle commodity, ma il ragionamento vale per tutte le tipologie di trading basate sul surplus (quini si escludono Futures e CFD). In questa tipologia di trading, si guadagno sulla differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita. Non c’è alcun rischio di perdere tutta la posta in gioco. O, per meglio dire, c’è, ma solo in casi sporadici. Solo quando il bene che abbiamo acquistato va incontra a una catastrofe e si svaluta, avvicinandosi pericolosamente allo zero assoluto.

Questo è uno dei motivi per cui le opzioni binarie non vengono considerate alla stregua di un qualsiasi altro strumento di investimento. Il rischio, in effetti, è – almeno da questo punto di vista – troppo alto, e va gestito con assoluta prudenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *