AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Il trading è come il gioco d’azzardo?

gioco azzardo

Premessa

Molte persone credono che il trading sia una sorta di gioco d’azzardo. L’ ho sentito dire da diverse persone, più o meno acculturate, più o meno abbienti, e a dire la verità talvolta mi è stato rimproverato anche da mia mamma!

Ebbene si, anche lei ha detto che il trading è come il gioco d’azzardo.

Il fatto è che nessuno con questa convinzione ha qualche sorta di competenza sul mercato o sulla psicologia umana. In genere le persone che dicono questo, o hanno esperienza con storie fallimentari, o hanno subito perdite incredibili, o semplicemente non capiscono i mercati. Potrebbero anche essere alla ricerca di qualcuno o qualcosa da biasimare per sentirsi meglio.

Il principio del gioco d’ azzardo

Un principio fondamentale da capire del gioco d’ azzardo è il seguente, puntare su nero o rosso non fa la differenza : perderete tutti i vostri soldi. Lo stesso vale per la slot machine. Ogni tanto vincerete e ottenere parte dei soldi indietro, ma questo è solo un meccanismo psicologico messo in moto dai casinò per ingannare la vostra percezione e farvi credere che state vincendo.

Perché il trading non è come il gioco d’azzardo

Se leggete i miei post sul blog, conoscete già la risposta a questa domanda. Ci sono diversi motivi a sostegno del trading, vediamo di elencare i più evidenti.

  • La possibilità di ammettere l’ errore. Con il mercato azionario quando si effettua un’ investimento su un determinato titolo o valuta, se il titolo non va nella direzione che si spera si può vendere la posizione e ottenere indietro una parte dell’ investimento iniziale, mentre con il casinò se non hai scelto la direzione giusta, si perde tutto.
  • Il principio delle profezie auto avveranti. Alla pallina non interessa su cosa hanno scommesso i giocatori, mentre il prezzo del mercato è mosso proprio dalle decisioni di investimento dei traders.
  • Il legame con la realtà. Alle carte non interessa se la banca centrale ha alzato i tassi d’ interesse o se c’è uno stato d’ allerta mondiale su un virus. Mentre nel trading possiamo sfruttare queste informazioni reali, comprare una valuta o investire su aziende farmaceutiche.
  • Il vantaggio matematico, non esiste gioco o scommessa dove il payoff della giocata sia favorevole rispetto alle probabilità di successo della stessa, questo per una pura questione matematica, mentre nel trading questo succede, anzi, è proprio il principio sul quale si basa questa attività, nel lungo periodo questo fa la differenza.
  • I trading system. Un sistema di trading è un insieme di regole che si ripetono nel mercato e che dimostrano di portare le probabilità di successo a nostro favore. Nel gioco d’ azzardo questo non esiste, vuoi davvero continuare a puntare rosso dopo che è uscito nero?

Certo, tutte queste caratteristiche  sono ciò che rende il mercato molto più difficile rispetto al gioco d’ azzardo, è questione di numeri, di analisi dei mercati, non certo di lanciare una monetina, questa però è anche la differenza del perché nel trading riesce solo chi adotta un’ approccio professionale e non da giocatore.

Queste sono solo alcune delle caratteristiche pratiche che effettivamente differenziano il trading dal gioco d’ azzardo, a contorno però potremmo stare a parlarne per ore e ore.

Ad esempio, avete mai sentito un corso di laurea in gioco d’ azzardo… mmh, io no, mentre esistono più corsi che si basano sui mercati finanziari. Avete mai sentito una banca che assume un giocatore di roulette per gestire gli investimenti dei propri clienti?

 

Conclusioni

Ci sono diversi motivi per cui personalmente sono convinto che il trading non sia come il giocare d’ azzardo. Certo, non considerare il punto di vista opposto sarebbe un errore, non nascondiamoci dietro un dito, è evidente che in entrambi i casi abbiamo a che fare con la facilità e la velocità di guadagno, e queste sono caratteristiche che sono come una bomba ad orologeria per il cervello umano.

Ma dopo un’analisi sincera e il più obbiettiva possibile, rimango sulla mia strada, semplicemente il trading ha caratteristiche che alla fine fanno la differenza, come la correlazione con il mondo reale, il money management, la matematica e non per ultimo il trading non è casuale perchè tutto il meccanismo si basa sul comportamento umano. Non solo sul semplice comportamento di una persona singola, ma quello della massa. Non è mai stato casuale, e non sarà mai casuale, a meno che non decidiate di essere uno dei pochi che si preoccupa di dire che lo è, per sentirvi meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *