AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Lo strano caso del Trader Samurai

Il bello del trading è la possibilità di approcciarsi in molti modi, seguendo svariati stili e utilizzando strumenti numerosi. Ogni trader ha il suo carattere e agisce alla sua maniera. Un investitore non è mai uguale a un altro. Certo, possono essere divisi in categorie.

Quella più singolare risponde al nome di “trader samurai”. Questa espressione ha la sua origine nell’insieme di valori che muove questa tipologia di investitori, e che si avvicina a quella zen, tipica degli antichi guerrieri giapponesi. Di seguito, le qualità che lo contraddistinguono.

Sa di non sapere. Il guerriero giapponese è umile, disposto a imparare. Allo stesso modo, il trader samurai non crede di avere la verità in mano, soprattutto non conosce – né crede di riuscirci- il futuro del mercato. Questo è un’atteggiamento poco condiviso dagli altri tipi di trader, che invece a riguardo hanno una certa presunzione.

Predica la semplicità. Il guerriero giapponese è sobrio, non vive negli eccessi. Analogamente, il trader samurai cerca di scegliere la via più semplice per raggiungere il proprio obiettivo. Si concentra sulla qualità degli indicatori, non sulla quantità. Se ha trovato ciò che fa per lui, non va a cercare altro. Prende in considerazione tre elementi in particolare, che rappresentano la perfetta sintesi di ciò che offre il mercato: rialzo, ribasso, indecisione.

Pensa al presente. Il guerriero giapponese vive come se non dovesse morire mai, con coraggio e onestà. Allo stesso modo, il trader samurai non si perde nelle previsioni, cerca di sfruttare il momento presente. Non vuole prevedere – che tra le altre cose è impossibile – bensì agisce.

E’ paziente. Il guerriero giapponese non provoca, non va in cerca di guai, quando deve risolvere un problema aspetta l’occasione propizia per farlo, senza produrre conseguenze spiacevoli. Il trader samurai attende le occasioni, non va a cercarle, magari fraintendendo segnali ed evidenze tecniche. Da questo punto di vista, è molto zen. La calma è la virtù dei forti, ma anche degli investitori saggi e assennati.

E’ attento. Il guerriero giapponese è attento a captare i segnali, sa osservare, sa cogliere i dettagli. Il trader samurai, allo stesso modo, coglie le evidenze minime, capta i segnali all’apparenza insignificanti, ma che invece racchiudono o suggerisce delle importanti verità.

Insomma, il trader samurai si contrappone a quello impulsivo, che eccelle in arroganza, sempre pronto a fare il passo più lungo della gamba, in quanto più attento a rincorrere una chimera che mettere a frutto le proprie potenzialità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *