AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Opzioni binarie: come sfruttare i meeting della banche centrali

Di fondamentale importanza, per i trader di qualsiasi tipologia, sono i market mover. Dunque anche chi investe nelle opzioni binarie deve fare i conti con i market mover. Tra quelli più potenti spiccano le riunioni delle banche centrali. Giocano un ruolo fondamentale per almeno due motivi.

In primo luogo, producono decisioni che impatto materialmente nei mercati. Certo, a un livello più o meno diretto. Le banche centrali, detenendo il potere monetario, sono in grado di restringere o allargare la massa monetaria, influenzando in modo determinante la domanda e l’offerta, quindi i prezzi.

Una grande influenza è esercitata anche sull’economia reale, seppur in maniera indiretta. Va detto, tuttavia, che alcune banche centrali godono di minori margini di azione; per esempio la Bce ha poteri di gran lunga limitati rispetto alla Fed.

Un secondo motivo per il quale i meeting sono importanti riguarda il sentiment dei mercati. Una loro dichiarazione, infatti, può suscitare fiducia negli investitori o gettarli nel caos. Tutto ciò impatta sui volumi di comprato e venduto, quindi anche sui prezzi.

Banche centrali: strategia a lungo termine

Le banche centrali decidono la politica monetaria, la quale a sua volta incide non solo sui rapporti tra le valute, quindi sui cambi, ma anche sull’economia reale. E’ evidente, almeno dal punto di vista teorico, che se il costo del denaro è basso, le banche sono incoraggiate a erogare prestiti, le imprese vengono finanziate e l’economia riparte (in verità la cinghia di trasmissione non è mai così fluida).

Dunque, un trader delle opzioni binarie che investa sulle valute o su asset bancari, è chiamato ad analizzare l’impatto delle decisioni, prevedere il movimento dei prezzi e tradare di conseguenza. L’orizzonte temporale, per quanto lungo, è comunque variabile. Un Quantitative Easing, in media, produce effetti in circa sei mesi; mentre un abbassamento del tasso di interesse impiega meno tempo.

Banche centrali: strategia a breve termine

A breve termine si segnalano delle opportunità notevoli. L’idea di base è sfruttare l’onda delle dichiarazioni, che impattano sullo stato d’animo degli investitori e provocano repentini movimenti dei prezzi (la maggior parte di questi rientra nel giro di uno o due giorni). La situazione perfetta si verifica quando il meeting presenta contenuti inaspettati e si pone in contrasto con le stime prodotte dagli analisti.

Siamo nel campo del trading veloce, appannaggio degli esperti. Tuttavia, è indubbio: chi riesce ad anticipare i tempi, prevedendo un dato non scontato, si pone in una situazione di vantaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *