AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Opzioni binarie: consigli per l’analisi fondamentale

Il trading delle opzioni binarie si basa sullo stesso presupposto che caratterizza gli altri tipi di trading: per mettere a segno trade vincenti, è necessario conoscere il mercato e per conoscere il mercato occorre studiare.

Questo studio, in entrambi i casi, si sviluppa attraverso preciso regole, codificate in decenni di esercizio della “professione” e di frequentazione del trading da parte di investitori esperti e in grado di aprire strade innovative.

Questi approcci prendono il nome di analisi tecnica e analisi fondamentale. Possono essere considerate come le due facce della stessa medaglia, anche se i fautori di una tecnica in genere non guardano di buon occhio i sostenitori dell’altra. Sull’analisi tecnica si è detto molto, ma spesso si dice poco su quella fondamentale.

Analisi fondamentale: i presupposti

Il presupposto dell’analisi fondamentale, quindi la sua base teorica, considera il prezzo come un elemento che viene grandemente influenzato non solo dal mercato (quindi dagli scambi degli investitori) ma anche, più o meno direttamente, da ciò che accade in generale nell’ambiente economico, e che quindi secondo logica non dovrebbe coinvolgerlo. Riuscire a intercettare queste influenze prima che facciano il proprio corso, consente di prevedere l’andamento del prezzo e quindi organizzare trade vincenti.

L’analisi fondamentale in fondo è tutta qui: studiare i fatti in grado di impattare suoi prezzi, prevederne i destini. Ovviamente si fa prima a dirlo che a farlo. Anche perché – e questa è una verità accolta da tutti – l’analisi fondamentale è più difficile dell’analisi tecnica. Quando si realizza la seconda, è necessario leggerei valori secondo delle regole precostituite. Quando si realizza la prima, occorre mettere in moto tutte le capacità interpretative che si possiedono, e utilizzare la proprio conoscenza del mercato e soprattutto della storia del mercato.

I consigli per una buona analisi fondamentale

Il primo consiglio è quello di farsi una cultura di storia del mercato. Come l’analisi tecnica, l’analisi fondamentale si basa sullo studio del passato applicato a presente. Il dogma della ciclicità della storia in questo caso è meno forte, ma esiste. Ciò che è accaduto è in ogni caso una fonte di verità.

Il secondo consiglio è informarsi costantemente sugli eventi. Per farlo è possibile consultare il calendario economico, ossia la lista di cosa succede, quando succede e come succede (dati attesti e dati precedenti).

E’ utile segnare la reazione al mercato a ogni evento, allo scopo di iniziare a capire come reagiscono gli investitori alla comunicazione di un dato o a una certa dichiarazione di questa o quella spoke person.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *