AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Opzioni binarie: meglio investire in oro o in bitcoin?

Il bitcoin è artefice di una ascesa incredibile. Ha infatti da tempo superato i 1.110 dollari, un risultato davvero straordinario per una valuta che, in fin dei conti, nemmeno esiste, non in senso fisico almeno.

Alla luce delle performance dei bitcoin, sorge spontaneo un dubbio: è in grado di fungere da bene rifugio? Può sostituire l’oro? E’ impossibile rispondere a queste domande, anche perché solo il tempo dirà seil trend rialzista, che dura ormai da un anno e mezzo, è destinato a durare o tutt’al più sarà sostituito da movimento laterali o tendenze solo leggermente ribassiste.

E’ però possibile analizzare le ragioni dell’aumento esponenziale del cambio bitcoin-oro. Su tutti, il crollo dell’oro. Perché il metallo giallo si trova in difficoltà? I motivi sono tre.

Il panorama politico sta reggendo meglio del previsto. Prima la Brexit, poi Trump. I giornalisti prospettavano una specie di catastrofe, che non è arrivata. Anzi, i mercati non sono meno in salute rispetto a uno o due anni fa. E’ ovvio, se il panorama è meno caotico del previsto, la funzione dell’oro viene meno.

La Fed sta alzando i tassi di interesse. Investire sul dollaro è tornato a essere un buon affare. La banca centrale americana, dopo un lustro all’insegna di politiche monetarie espansive, ha finalmente alzato i tassi. Non solo, “minaccia” di farlo altre volte nel corso di questo 2017. Il dollaro, quindi, sta rubando spazio all’oro e continuerà a farlo almeno fino al 2018.

Le manovre dell’India. L’inflazione galoppa nel gigante asiatico. Il Governo ha pertanto varato una soluzione estrema: il ritiro della maggior parte del contante. Ciò impedisce l’acquisto di oro, che quindi subisce una pressione ribassista sul prezzo. Paradossalmente, a beneficiare di questa politica è il bitcoin, dal momento che l’anonimato consente agli investitori di sfuggire ai controlli dello Stato.

La “promozione” del bitcoin a bene rifugio, quindi, deriva in massima parte da questi fattori. Se le condizioni che hanno portato la criptovaluta così in alta dureranno, allora anche il trend rialzista farà fatica ad arrestarsi. E’ ovvio, tuttavia, che tali condizioni, almeno in caso (l’ultimo) hanno un carattere provvisorio.

E’ ragionevole pensare, quindi, che a meno di movimenti particolari su altri fronti, il bitcoin ritraccerà parte della sua crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *