AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Opzioni Binarie: quando fidarsi dei Robot

indicatore atr

Negli ultimissimi anni, nel mondo delle opzioni binarie (ma nel trading online in generale) sono saliti alla ribalta i robot. Presentati da alcuni come la panacea di tutti i mali, soprattutto di quelli dei principianti, hanno calamitato l’attenzione di addetti ai lavori e profani e innescato un dibattito circa la loro utilità.

C’è chi li considera come uno strumento valido, c’è chi li bolla come una truffa. La verità, come sempre del resto, sta nel mezzo.

Cosa sono i robot

I robot sono quei software che consentono il trading in automatico. Il trader, eccetto che nella fase di settaggio iniziale, smette di operare e lascia il campo a un “cervellone elettronico” che analizza il mercato, passa in rassegna i modelli e decide di conseguenza. L’azione dei robot, ovviamente, si basa su degli algorimi. Da qui discendono alcuni pregi significativi e innegabili.

In primo luogo, è rivolto a tutti: essendo automatico, il compito del trader è ridotto all’osso, dunque può essere utilizzato dai principianti. Secondariamente, è poco dispendioso in termini di energie, proprio perché “l’umano” non deve fare altro che settare qualche impostazione iniziale e visionare di tanto in tanto. Infine, visto che di mezzo c’è la “matematica”, ha delle pretese di scientificità più o meno legittime.

Detta così, i robot sembrano veramente la panacea di tutti i mali. Peccato che soffrano di alcuni difetti, anche pensati. Anche perché, in fin dei conti, non fanno altro che ricevere segnali e applicare in modo pedissequo l’analisi tecnica, e solo marginalmente l’analisi fondamentale.

I fattori da prendere in considerazione

Alcuni elementi contribuiscono a migliore l’efficacia dei Robot e a trasformarli in uno strumento veramente utile. Va considerato prima di tutto chi ha realizzato il Robot. Se l’autore è solo un programmatore, che magari ha utilizzato righe di codice provenienti da altri software, e quindi senza una consulenza adatta, non c’è granché di cui fidarsi. Se invece un trader professionista, e se possibile di fama almeno nazionale, è stato coinvolto direttamente nel progetto, allora ciò rappresenta un segnale positivo.

Un’altra discriminante consiste nella qualità e nella varietà di algoritmi. Se questi sono personalizzabili e personalizzati, quindi a misura di utente, allora il Robot ha qualche speranza di rispettare le aspettative. Se l’algoritmo è standard, quindi prende in considerazione pochi fattori, allora la situazione si complica. Infine, dovrebbe essere disponibile la scelta degli approcci, da quelli classici a quelli più rischioso (in modo da adattarsi al carattere del trader).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *