AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Segnali di trading: una risorsa per tutti?

I segnali di trading sono al centro di aspre polemiche. Da alcuni, infatti, sono tacciati come uno strumento ingannevole, un modo per ottenere denaro da trader speranzosi e incapaci di gestire i trader con le proprie forze. Tale accusa nasce da un semplice fatto: sono a pagamento.

In verità non ci sarebbe nulla di cui stupirsi. Almeno sulla carta, rappresentano un servizio e come tale va trattato. Un altro dubbio riguarda gli effettivi destinatari dei segnali di trading. A chi giovano? In linea di massima, si potrebbe affermare che i segnali si rivolgono ai trader meno esperti, che non riescono a essere autosufficienti, che hanno bisogno di un aiuto esplicito.

In verità, la questione è più complessa di quanto si possa immaginare. Da un certo punto di vista, infatti, i segnali potrebbero tornare utili anche ai trader più navigati. Anzi, soprattutto a loro. Vediamo perché.

I segnali di trading come verifica

A cosa servono i segnali se il trader è capace, in grado di praticare l’analisi tecnica e di dotarsi di una strategia complessa? La risposta è semplice: come verifica. I segnali forniscono informazioni specifiche circa il futuro immediato di un asset e conferiscono una esplicita indicazione su come eseguire l’ordine. I trader esperti possono benissimo ignorare questa seconda parte e focalizzarsi sulla prima, ossia sulla previsione del prezzo. Magari dopo aver prodotto una propria previsione, aver individuato una prospettiva attraverso uno specifico lavoro di analisi. In questa ottica, i segnali fungerebbero da prova del nove.

In verità, è forse questo l’unica funzione oggettivamente necessaria dei segnali di trading. Affidarsi ciecamente, ossia rispettare le indicazioni sui trader che forniscono, è infatti come minimo avventato.

I consigli per chi utilizza i segnali

Rimangono validi, ovviamente, i classici consigli universalmente adottati nella lettura dei segnali. La loro qualità dipende dalla fonte. Se sono elaborati da un software, e quindi in modo totalmente automatico e sono privi di un lavoro di interpretazione a priori, allora saranno meno affidabili. L’ideale sarebbe ricevere segnali da trader di una certa caratura e di dichiarata fama. Certamente, costano di più ma non è detto che non ne valga la pena.

Ovviamente, è necessario affidarsi dai segnali gratuiti. Il loro scopo è infatti palese: attirare i trader inesperti, speranzosi di ricevere “calata dall’alto” e senza sforzo alcuno  guadagni ingenti. Siamo nel campo delle iniziative meramente pubblicitaria. La qualità si paga, anche nel trading.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *