AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Cosa sono i supporti e le Resistenze? Analisi tecnica di base

supporto resistenza

Strumenti di analisi tecnica fondamentale: i SUPPORTI e le RESISTENZE

Oggi affrontiamo un tema che ritengo appartenere ai fondamenti del trading, anzi, a pensarci bene, credo che si possa considerare il tema per eccellenza, quello che può davvero fare la differenza tra il successo e il fallimento.

Sto parlando del concetto di supporto e resistenza (S/R) e vi do la mia parola, un po’ azzardata, ma vi assicuro che se voi imparerete a manipolare correttamente questo strumento, avrete grandi soddisfazioni sui mercati.

Voglio dare per scontato che parlando di supporti e resistenze voi sappiate focalizzare la configurazione a cui mi sto riferendo. Se così non fosse potete visitare questo link : http://tradingbinario.org/guida-allanalisi-tecnica-supporti-e-resistenze/ , lo scopo delle prossime righe invece è quello di riflettere con voi sui motivi di tanta efficacia e di affrontare alcune situazioni pratiche.

Premettiamo che in questo articolo andremo a parlare solo dei supporti e resistenze orizzontali basate sull’ azione del prezzo, ben consapevoli di limitare un argomento ben più vasto, ma con la convinzione che gli stessi principi che andremo a sviluppare potranno essere applicati con facilità ad ogni altro tipo di derivazione.

Desidero, più che darvi nozioni teoriche e farvi vedere esempi a fini didattici, trasmettervi la filosofia e l’approccio che porta alla massima espressione delle potenzialità della vostra operatività.

Come avrete intuito, sono un grande sostenitore dei supporti e delle resistenze, ma perché di tanta fiducia?

Beh, innanzitutto possiamo citare la loro semplicità: di struttura, di applicazione, di funzione.

Come costruire supporti e resistenze

Struttura: niente formule matematiche o estrapolazione di dati, delle semplice linee orizzontali tracciate sul grafico.

Applicazione: Ogni volta che il mercato cambia tendenza, non importa con che intensità, tracciate una linea orizzontale, se tornando indietro sul grafico notate che nelle vicinanze del livello il mercato aveva già avuto dei cambi di tendenza, bene, avete trovato un supporto o resistenza, se invece non riscontrate movimenti attendibili, allora cancellate la linea perché il livello non è attendibile (non ancora).

Funzione: In prossimità del livello tracciato il prezzo potrà fare due cose, superarlo o rimbalzare contro esso, in entrambi i casi noi avremo ottenuto un segnale operativo. Nel primo caso dovremo andare ad aprire un’operazione in direzione della rottura del livello, nel secondo invece apriremo un’operazione in direzione del rimbalzo. Ovviamente sto semplificando al massimo, ma non crediate che la questione sia tanto più complicata.

Ancora una volta parliamo di profezie auto avveranti, tutti noi, esperti e meno esperti, aspettiamo un segnale dal mercato che ci dia la fiducia necessaria (o meglio, aumenti le probabilità) per aprire un’ operazione. Alcuni basano le proprie analisi sugli indicatori, altri sui dati economici, ma ogni operatore non principiante, darà un’occhiata a supporti e resistenze di primo livello. Per questo motivo ulteriore, i S/R sono così importanti.

Come tracciare i supporti e le resistenze : il decalogo

1)Inizia da time frame grandi

Inizia la tua analisi del grafico partendo da time frame superiori a quello che utilizzerai effettivamente per il tuo trading, almeno di 1 o 2 ordini di grandezza superiore. In questo modo andrai a scremare quei livelli ininfluenti e locali. Inoltre, in modo più o meno consapevole andrai a percepire una visione d’ insieme del mercato.

Di seguito analizziamo il tratto di grafico compreso fra le due linee verticali. Il time frame è impostato a DAILY, l obbiettivo è operare con grafico 4H.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

1

2)Inizia dagli estremi : livelli di primo grado

Un buon punto di inizio è quello ti tracciare le linee orizzontali che confinano il grafico che hai davanti.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

2

3)Non aver paura di tracciare : livelli di secondo grado

A questo punto andiamo a tracciare tutti i livelli compresi tra i due confini orizzontali. In questo momento non devi avere troppa cura di quello che stai disegnando, usa l’effetto colpo d’ occhio, guardando il grafico ti sembra che quello sia un livello di supporto o resistenza, bene, disegnalo. Se ti stai sbagliando lo verifichi dopo.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

3

4)Occhio ai movimenti : livelli di terzo grado

In questa fase andiamo a individuare dei livelli che hanno dimostrato di far reagire il prezzo in modo particolare, oppure quei livelli che hanno funzionato da supporto o resistenza solo in determinati momenti. Anche in questo caso la raccomandazione è di fidarti delle tue sensazioni, non pasticciare troppo il grafico, effettua una prima selezione a livello mentale, ma non aver paura di sbagliarti.

Ad esempio, nell’ immagine che segue, la linea verde è tracciata in funzione di una particolare pin bar evidenziata dal rettangolo azzurro, l’idea è questa : per il momento non mi dice nulla di particolare, ma è evidente che il mercato è sensibile a quel livello, la tengo buona e vedremo.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

4

E con lo stesso principio procedo a segnare altri livelli che per un motivo o per l’altro mi danno l’ impressione di avere una certa importanza.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

5

5) Esatto è più bello

E’ il momento di iniziare a fare le cose per bene e mettere in ordine, andiamo a rivedere i livelli segnati e arrotondiamoli a cifre esatte. Ad esempio: 1.32013 diventerà semplicemente 1.32000

6)Uno sguardo al passato

Andiamo ora a scremare qualche livello ridondante andando a scorrere il grafico verso il passato, non esageriamo con il tornare indietro, verifichiamo quali dei livelli hanno funzionato e quali invece sono meno attendibili. In questa fase dobbiamo occuparci di due cose : 1. cancellare i livelli che non hanno nessuna attendibilità ( sottolineo : nessuna) 2. trasformare i livelli di 2 e 3 grado in linee di 1 o 2 livello rispettivamente. Serviamoci dei colori.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

6

7) Torna al presente e individua il trend

Torniamo al presente con il nostro grafico e cerchiamo di individuare il trend. La regola è la seguente :

Se sarà rialzista andremo a cercare rotture di resistenze e rimbalzi su supporti, al contrario in condizioni di trend ribassista cercheremo rotture di resistenze e rimbalzi su supporti

Per individuare il trend puoi utilizzare le regole che trovi in questo articolo : http://tradingbinario.org/come-tracciare-le-trend-line-correttamente/ .

Puoi anche servirti di una media mobile ad esempio a 20/50  periodi.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

7

In questo caso vediamo che entrambe le medie mobili a 20 e 50 periodi si trovano al di sotto del prezzo, indice di una tendenza rialzista, andiamo perciò a cercare rotture di resistenze e rimbalzi su supporti.

8) Riduci il time frame

Elimina le medie mobili (non dimenticare la tendenza) e torna al time frame di interesse, in questo caso al 4 H

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

8

9) Conta l’area non il livello

Proviamo ora a simulare l’ avanzamento del grafico. Ricorda, stiamo cercando una rottura della resistenza o un rimbalzo sulla resistenza.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

9

Ci troviamo immediatamente in corrispondenza di un livello tracciato precedentemente, stiamo cercando la rottura dello stesso. Rottura che però vediamo non realizzarsi, per cui per il momento evitiamo di aprire operazioni.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

10

Proseguendo con il grafico vediamo che il prezzo raggiunge un’ulteriore livello segnato in precedenza ( notare che si tratta di un livello di grado 2, quindi piuttosto importante). Il prezzo inoltre reagisce proprio come vorremmo, cioè rimbalzando sullo stesso (rettangolo blu). A questo punto è fondamentale mantenere la calma e non farsi prendere dall’ entusiasmo, andiamo a segnare un livello locale (linea rossa orizzontale), e solo dopo che il prezzo avrà superato questa linea andremo ad aprire posizioni.

Questo perché non dobbiamo pensare ai livelli di S/R come una scienza esatta, ma piuttosto come area di interesse, non facciamoci “fregare” dagli squali, non abbiamo fretta, attendiamo che il prezzo esca da un’ipotetica area di interesse in cui l’andamento risulta essere incerto.

10) Pensa al futuro

Ok, abbiamo aperto la nostra operazione rialzista, è il momento di pensare al futuro per non rovinare tutto il lavoro fatto fino ad’ ora. Il nostro prossimo punto di interesse è quello evidenziato dalla linea verde ( terzo grado). In teoria il prezzo dovrebbe romperlo, ma è anche vero che abbiamo appena assistito ad un movimento ribassista proprio in corrispondenza di questo livello.

Vediamo cosa succede.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

11

Come vediamo, il prezzo ha prepotentemente rotto il livello sotto controllo, e anzi, ha raggiunto già il punto di interesse successivo, ora la nostra operazione è ampiamente in positivo, per cui possiamo permetterci di rimanere a guardare cosa succede, sempre per il discorso della zona di interesse di cui sopra.

(clicca sull’ immagine per ingrandire)

12

La mia decisione in questo caso sarebbe stata quella di chiudere l’operazione per 2 motivi :

1. Il prezzo sembra piuttosto indeciso sulla direzione da prendere.

2. Il prezzo è entrato nella zona di interesse del livello di primo grado (linea rossa) ed è subito stato rimandato indietro. Io lo interpreto come un brutto segno.

CONCLUSIONI

Le conclusioni sui supporti e le resistenze sono piuttosto semplici, sono lo strumento e la configurazione di prezzo più potente ed efficace che si possa sperimentare sui mercati. Naturalmente questa sentenza è dettata dalla mia personale esperienza, ma credo che le caratteristiche che contraddistinguono queste linee orizzontali siano davvero semplici, sfruttabili e replicabili, sono alla portata di tutti.

Abbiamo analizzato alcune proprietà che rendono i S/R così potenti e successivamente stilato un decalogo pronto all’ uso per i mercati.

L’ intento non è tanto quello di dimostrare l’efficacia di questo strumento con un esempio ad hoc, ma piuttosto trasmettere un’ approccio operativo che racchiude aspetti tecnici e, soprattutto, aspetti logici che stanno dietro ad un’ utilizzo di successo dei supporti e resistenze.

Sperimentate le vostre capacità su conti demo e imparate a leggere il mercato sfruttando le chiavi di lettura fornite da questi livelli.

Alla prossima.

Virgil

One Response to Cosa sono i supporti e le Resistenze? Analisi tecnica di base

  1. Cristian ha detto:

    Salve, ottima spiegazione però forse un video sarebbe più chiaro perchè non riesco a capire come si controlla la loro validità. Potreste farne uno e farmi avere il link. Grazie tante
    Ottimo sito
    Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *