AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Opzioni Binarie, strategie intraday: la media mobile

Media mobile

Il trading delle opzioni binarie è un’attività che, nonostante i messaggi veicolati dalle pubblicità, richiede l’impiego di risorse non solo economiche ma anche intellettuali. Investire in assenza di un approccio strategico è molto rischioso e trasforma il trading binario in qualcosa di – ingiustamente – molto simile al gioco d’azzardo.

A disposizione dei trader si segnalano numerose strategie, alcune delle quali sono di semplice esecuzione quindi adatte a una platea di principianti. Un esempio è fornito dalle strategie che si basano sulla media mobile. La stragrande maggioranza delle piattaforme integra le medie mobili all’interno dei propri grafici, sicché questa opportunità è a portata di mano per chiunque.

Media mobile: cos’è?

La media mobile viene rappresentata come una curva irregolare in cui ogni punto indica la media che i prezzi hanno fatto segnare in un numero ben definito di periodi precedenti. Si chiama “mobile” perché, come facilmente intuibile, la media cambia di periodo in periodo.

Grazie allo studio della media mobile, e in particolare del rapporto tra media mobile e prezzi, è possibile ricavare dei segnali tramite cui orientare i propri trade. La strategia più semplice, almeno per chi vuole tradare intraday – quindi utilizza un approccio mediamente veloce – riguarda la media mobile a 50 periodi. Ogni punto della curva, quindi, segnala la media nei 50 periodi precedenti.

Opzioni binarie media mobile: i segnali

La posizione della media mobile rispetto alla linea dei prezzi indica con chiarezza l’entità del trend in corso. Quando la prima viaggia sotto la seconda, il trend è rialzista. Quando è la seconda a viaggiare sotto la prima, allora il trend è ribassista. Ciò implica che tale metodo non può essere utilizzato quando il trend è laterale. Tuttavia, non si tratta di un difetto: buona parte delle strategie vengono invalidate dai movimenti laterali.

Ad ogni modo, il trade interviene quando la media mobile e i prezzi si incrociano (come accade nella figura). Da questo punto di vista, la media mobile viene considerata alla stregua di un supporto o la resistenza.

Nello specifico, quando la linea dei prezzi interseca la media mobile dall’alto verso il basso, il segnale è ribassista, quindi, almeno per la giornata in corsa, sarebbe bene andare in short.

Viceversa, se il contatto giunge dal basso verso l’alto, il segnale è ribassista. Ovviamente, la media mobile da sola non basta. E’ prassi consolidata utilizzare almeno due indicatori alla volta, in modo da avere una conferma del segnale ricevuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *