AVVISO DI RISCHIO: IL VOSTRO CAPITALE POTREBBE ESSERE A RISCHIO

Aggiornamento Importante: Secondo la circolare CySEC C168 è fatto divieto ad ogni broker di promuovere Bonus sul deposito. Sulla scorta della nuova regolamentazione, ci teniamo a precisare che qualsiasi riferimento a bonus sul deposito all'interno delle pagine di questo blog non sono più da tenere in considerazione.

Scadenze Intraday Opzioni binarie: cosa non dimenticare!

scadenze intraday

Ci sono un sacco di motivi validi per preferire un trading con scadenza intraday con le opzioni binarie. Per cominciare, si tratta di un prodotto con elevata liquidità e la possibilità di terminare le operazioni prima della notte elimina una gran parte del rischio che altri strumenti finanziari non riescono a fare.

Inoltre, i profitti (idealmente) e le perdite sono veloci e chiari fin da subito. Questo solitamente suona come una cosa grandiosa per gli inesperti, i quali sono portati a buttarsi sottovalutando e non curando la pratica.

Cimentarsi nel daytrading è probabilmente uno degli obbiettivi più ambiti dai professionisti, proprio per le potenzialità di questo approccio, ma è anche uno degli sforzi più impegnativi e difficili in cui un operatore può cimentarsi.

Questo perché c’è poco spazio per gli errori; i traders devono essere costantemente nella giusta direzione del mercato e le finestre di tempo in cui seguire i segnali sono limitate. Tuttavia, per coloro che hanno la perseveranza di dedicarsi alla pratica e lavorare sulla naturale capacità di eliminare le emozioni, il daytrading può rivelarsi una delle forme di speculazione sul mercato più redditizie.

Ci sono un numero illimitato di strategie che i trader possono decidere di applicare. Tuttavia, nel corso degli anni ho notato un paio di fattori che giocano un ruolo importante nel determinare il successo nel day trading, e vorrei condividerli con voi.

E’ una questione mentale

Credo che diventare un day trader di successo sia questione di istinto e di capacità di controllare le emozioni. Se avete avuto a che fare con l’atletica, probabilmente avrete sentito l’adagio che il rendimento è 95% mentale e solo il 5% fisica. Ho trovato che questo risulta tanto più vero nel trading, anche se invece di essere una questione fisica, si parla piuttosto di tecnica. Molto semplicemente, la differenza non la fanno “quali” oscillatori o gli indicatori si utilizzano, ma piuttosto il “come” li si usa; e forse ancora più importante è il modo con la quale ci si confronta e si reagisce con la paura e l’avidità.

Anche se non possiamo controllare il mercato, siamo in grado di controllare l’ambiente e le circostanze in cui operare. Il modo migliore per mantenere i vostri demoni mentali sotto controllo è quello di evitare situazioni compromettenti.

Assicurarsi che la strategia risponda alla vostra personalità

La strategia con cui si affrontano i mercati dovrebbe dipendere dalla vostra personalità e dalla propria propensione al rischio, non necessariamente ciò che ha funzionato per qualcun altro lo farà anche con voi. Diciamolo chiaro : ci sono circa venti-trenta oscillatori comunemente utilizzati, ma nessuno di loro è magico e nessuno rappresenta il Santo Graal. Piuttosto che aspettare che un indicatore o un oscillatore faccia il lavoro per voi, credo che sia più produttivo educare adeguatamente se stessi ai rischi dei mercati e ad altri aspetti del trading.

Ad esempio, se siete iperattivi e rischiate di cadere nella trappola dell’ over trading, varrà la pena scegliere di lavorare con gli indicatori tecnici che hanno la capacità di appianare i dati e offrire segnali relativamente più “lenti”. Idealmente, questo funzionerà contro la vostra tendenza di operare e vi servirà da utile moderatore. Potreste anche pensare di prendere in considerazione l’immissione di ordini per telefono con un broker o un vostro intermediario. Questo può suonare arcaico, ma è un modo efficace per temperare l’impulso ad aprire operazioni incautamente.

D’altra parte, se avete difficoltà a premere quel bottone “compra” dopo aver speso ore e ore all’ analisi tecnica, allora si dovrebbe considerare una sorta di strategia di trading programmata automaticamente in base ai propri parametri desiderati.

La pazienza è la virtù dei forti

Indipendentemente dalla strategia scelta, l’attesa di un set-up può rivelarsi una sfida in sé. La tentazione a volte può essere molto forte, tuttavia, il miglior consiglio che posso dare ai traders è che “è meglio rimanere in panchina, piuttosto che trovarsi nel mercato dalla parte sbagliata.” Se si passa un segnale che risulta essere confuso, non preoccupatevi; operare su segnali mediocri a volte funzionerà, ma il rischio di perdere è di gran lunga maggiore della potenziale ricompensa. Infatti, alcuni daytraders che conosco, sostengono che ci sono solo circa due o tre “buoni” segnali di trading a settimana.

Position Sizing è la chiave

Utilizzate la tecnica di money management che preferite, ma anche con la più semplice strategia fate attenzione all’ investimento su ogni singola operazione. Spesso dopo qualche successo si è naturalmente spinti ad aumentare la dimensione dei contratti, con la prospettiva (sogno) di raggiungere obbiettivi impensabili e in tempi rapidissimi.

Ipotizzando un saldo iniziale di € 5.000, è possibile raddoppiare un conto in poco meno di un anno con un utile di soli € 25 al giorno. Realisticamente, un profitto di € 25 al giorno è molto più realizzabile che tentare di raddoppiare il conto di trading in un giorno o due. Penso che saremo tutti d’accordo che il raddoppio di un account in un anno sarebbe un risultato estremamente rispettabile. Inoltre, non è necessaria una dimensione eccessiva delle operazioni per realizzare un profitto di € 25 per giorno.

L’unica cosa che sappiamo per certo, è di non sapere.

Alcune delle menti più acute del settore suggeriscono di entrare in un’ operazione con l’idea che probabilmente  vi starete sbagliando. Questo garantisce la mentalità corretta per evitare perdite paralizzanti, e mantiene umili e disposti a prendere profitti a livelli ragionevoli quando le cose vanno a loro favore.

Ogni giorno, i prezzi di mercato sono influenzati da un numero teoricamente illimitato di fattori. Con questo in mente, non dovrebbe sorprendere che prevedere il movimento dei prezzi in un dato momento è estremamente difficile. Dopo tutto, gli strumenti che stiamo usando per valutare la direzione del mercato sono il risultato storico del mercato stesso. Come dimenticare il mantra, “la performance passata non è garanzia di risultati futuri.”

Conclusione

Molti vedreanno questo articolo come una relazione pessimistica sul daytrading, o addirittura come un pezzo anti-trading. Tuttavia, la mia intenzione non è quella di dissuadere da questo tipo di operatività. Dopo tutto, mi guadagno da vivere anche attraverso questo; ma è mio impegno personale è garantire che i lettori o interlocutori siano a conoscenza dei potenziali disagi portati dal trading con scadenze entro la giornata, per questo motivo ho elencato alcuni dei punti fondamentali che devono accompagnare le nostre imprese, insieme con semplici passaggi si può migliorare sensibilmente i risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *